Balbuzie e galline

Un balbuziente incontra un suo vecchio amico in piazza.

- "E-ehi c-c-ciao c-co-come s-s-stai?"

E l'amico:

- "Ciao! Molto bene, grazie! Ora ho un lavoro bellissimo! Lavoro in parlamento, guadagno un sacco di soldi! Anche in famiglia tutto bene. E tu, invece, che cosa mi racconti?"

- "I-i-io a-anche ho-ho un-un la-la-lavoro! S-s-sto a-a-al co-co-comune. So-so-solo che l-l'altra v-v-volta mi-mi è su-successa u-una c-c-cosa mo-molto bru-bru-brutta: sta-stavo an-an-an-an-andando a da-dare da m-m-mangiare a-alle ga-galline, so-solamente c-che p-per f-farle u-uscire da-dalla g-g-gabbia do-dovevo di-dire 'co co co co' e l-loro u-u-uscivano. I-i-invece p-per fa-fa-farle e-entrare do-dovevo d-d-dire 'ci ci ci ci'. A-a u-un ce-ce-certo punto do-dopo aver da-dato l-loro da ma-ma-mangiare co-comincio a fa-fare 'ci ci ci ci ci'. E-entrano tu-tutte t-t-tranne u-una a-allora co-comincio a-a-a in-in-inseguirla e a fa-fare 'ci ci ci ci'. N-n-non entrava e dopo un po mi-mi scappa d-di dire 'E-e c-c-che d-d-due co co co co coglioni!' e so-sono ri-ri-riuscite tutte!"

Ti è piaciuta? Falla girare! Condividila con gli amici!


Scrivi un commento. Il tuo feedback è molto importante!

Vedi anche

Barzellette

Loading...